SFMR Veneto, inaugurato sottopassaggio di Ca' Solaro

Versione stampabileVersione stampabile

Venerdì 29 gennaio l'assessore regionale alla mobilità Renato Chisso ha inaugurato il nuovo sottopassaggio di via Ca' Solaro nel Comune di Venezia, lungo la linea Venezia – Portogruaro – Trieste. La nuova opera sostituisce ben due passaggi a livello automatici, su via Ca' Solaro (5+784) e su via Palmanova (6+392) e consente finalmente un collegamento libero da code tra l'abitato di Favaro e la frazione di Ca' Solaro.

Poco prima di mezzogiorno, dopo una breve cerimonia ed un velocissimo taglio del nastro, la nuova strada è stata aperta al traffico; nel pomeriggio i vecchi PL sono stati chiusi con barriere provvisorie, in attesa della definitiva disattivazione da parte di RFI.
Complessivamente i lavori, affidati alla ditta Carron di Treviso, sono durati quasi due anni e hanno modificato completamente la viabilità della zona; oltre al sottopassaggio, infatti, sono state realizzate due ampie rotatorie ed una bretellina di collegamento per l'accesso ad un gruppo di abitazioni e al parco pubblico “Bosco di Mestre”, per il quale tempo fa la Regione aveva anche ipotizzato l'attivazione di una fermata ferroviaria dedicata.

Oltre a rappresentare una tappa verso le elezioni regionali della prossima primavera, questa inaugurazione si inserisce nel contesto del progetto SFMR - Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale, il cui cuore negli anni a venire sarà costituito dal potenziamento dei servizi ferroviari con i nuovi treni Stadler/AB ordinati nel 2009. Nel frattempo la Regione Veneto, insieme ad RFI e i Comuni, ha portato avanti molti lavori di carattere infrastrutturale: recentemente sulla stessa tratta in questa zona si è avuta la soppressione di quattro PL a Meolo (2007) e due a Quarto d'Altino (2009), nonchè l'attivazione della nuova fermata di Gaggio Porta Est; saranno presto soppressi altri quattro PL nel quartiere Gazzera, in via Vallon e a Gaggio (nel 2010), mentre sono da poco partiti i lavori per la costruzione delle due nuove fermate Gazzera e via Olimpia, a servizio del centro cittadino di Mestre.

La prossima settimana invece, con la riattivazione impiantistica di Bivio Marocco sulla Venezia-Udine, inizierà l'iter per la riapertura parziale della cintura ferroviaria di Mestre chiusa nel 1994, detta anche “Linea dei Bivi”. Nel 2010 sarà riaperta la tratta Bivio Marocco – Scavalco di Maerne, lungo la quale al momento si stanno costruendo i sottopassaggi stradali, mentre il ramo Bivio Marocco – Bivio Carpenedo dovrà aspettare, anche se la riapertura è praticamente certa: il nuovo sottopassaggio inaugurato oggi è stato costruito per eliminare anche il vecchio PL su quella tratta.