Pendolari: anche una class action contro Trenitalia

Versione stampabileVersione stampabile

Da quando le Regioni hanno assunto la responsabilità programmatica ed organizzativa del trasporto pubblico locale anche in tema di treni, la mobilità ferroviaria è diventata uno dei "temi caldi" dell'agenda politica regionale; di pari passo crescono e si moltiplicano le iniziative dei cittadini che vogliono vedersi offrire servizi migliori e al passo con i tempi.
Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dei pendolari veneti che, con il supporto del consigliere regionale Atalmi, stanno portando avanti una causa collettiva contro Trenitalia.

AL VIA LA CLASS ACTION CONTRO TRENITALIA!
Nei mesi scorsi l’abbiamo sponsorizzata tramite facebook e nelle prinicipali stazioni venete ed ora la campagna “salvapendolari” promossa da un gruppo di pendolari veneti col sostegno del consigliere Nicola Atalmi è passata ai fatti.
Sono state molte le richieste arrivate al sito per avere i moduli con i quali raccogliere per 3 mesi ritardi e altri disagi subiti dai pendolari. Ora che i primi sei pendolari hanno terminato il loro lavoro sono state depositate presso il giudice di pace le prime citazioni.
La particolarità di queste citazioni è che Trenitalia non viene citata per danni, ma per inadempienza contrattuale. Si presuppone infatti che quando un pendolare acquista un biglietto stipuli un contratto con l’azienda per avere un servizio ed essendo questo servizio estremamente scadente si può affermare che il contratto non sia rispettato da entrambe le parti.
Ecco l’oggetto della citazione.
Martedì pomeriggio la campagna è stata presentata alla stampa ed ha avuto un grande successo: un segnale che l’attenzione su questi temi è molto alta.
Forse i risarcimenti non saranno molto alti, ma quello che vogliamo è soprattutto far sentire a Trenitalia e alla Regione Veneto che i pendolari ci sono e vogliono un servizio degno dell’abbonamento che pagano!

Sul sito www.atalmi.it i risvolti delle cause.