SFMR: ma è partito o no?

Versione stampabileVersione stampabile

Riceviamo una richiesta di precisazione dalla nostra lettrice D.C. a cui volentieri rispondiamo:

Tempo fa avete pubblicato un articolo in cui si annunciava la partenza del servizio SFMR sulla Mestre - Mira Buse con corse cadenzate ogni 20-30'. Però a tutt'oggi l'orario della linea è molto diverso, come si spiega?

Effettivamente c'è una grande differenza tra il progetto SFMR e la sua realizzazione.

Intanto va sottolineato che l'SFMR dalla sua nascita ha sempre previsto, almeno sulla carta, degli orari di tipo cadenzato con frequenze variabili da 15' a 60' a seconda della tratta e dell'orario "di punta" o meno. Senza citare le innumerevoli interviste in cui l'assessore Chisso commentava i tempi possibili, un riferimento ufficiale è rappresentato da un PDF della Regione Veneto: a pagina 12 c'è la tabella delle frequenze previste per le tratte interessate dalla "prima fase".

Se pensiamo all'SFMR come un sistema di corse aggiuntive, con treni nuovi, percorrenti una rete con stazioni rinnovate, tutto gestito dalla Regione Veneto, allora si può dire che le nuove corse sulla Mestre - Mira Buse siano, se pur simbolicamente, le prime corse definibili "SFMR".

Questo però non vuol dire che il servizio sia a regime, tutt'altro. Dei due nuovi treni elettrici in possesso di Sistemi Territoriali, l'impresa ferroviaria regionale, solo uno (ETR 340.001 SI) è stato messo in servizio, il che ha permesso l'attivazione di 5 coppie di corse, ma non di più. Si può dire quindi che siamo ancora in una fase sperimentale.

Ulteriori miglioramenti dell'orario non potranno venire prima del prossimo orario invernale, sempre se verrà messo in servizio anche il secondo treno, l'ETR 340.002. Dipende tutto dalla Regione Veneto (Trenitalia / FS non è minimamente coinvolta nell'esercizio della Mestre - Mira Buse).

Il 14 giugno abbiamo viaggiato a bordo della prima corsa effettuata con il nuovo treno elettrico; maggiori dettagli sul mezzo e sugli sviluppi della linea Mestre - Mira Buse si possono trovare nel nostro reportage di quella giornata.