Treni per i pendolari, aggiudicata la gara per 600 nuove carrozze a doppio piano

Versione stampabileVersione stampabile

A realizzarle sarà Ansaldo Breda, per un importo di aggiudicazione di 829 milioni di euro. Dei due miliardi del piano complessivo sono già state affidate forniture, servizi e attività di ristrutturazione per 1 miliardo e 450 milioni. La chiusura della gara si aggiunge alla commessa, sottoscritta a novembre, per 150 nuovi locomotori E 464, e a quella per i nuovi arredi di oltre 2300 carrozze media distanza

Roma, 18 dicembre 2009

Sarà Ansaldo Breda a realizzare 600 nuove carrozze a doppio piano per il trasporto regionale. L’impresa si è infatti aggiudicata la gara indetta dal Gruppo FS per un importo complessivo della commessa di 829 milioni di euro. Il via libera è arrivato dopo che Trenitalia ha sottoscritto, lo scorso 20 novembre, il contratto con Bombardier per la fornitura di 100 nuovi locomotori E 464, con l’opzione per altri 50. La linea di produzione è già aperta e la consegna dei locomotori proseguirà quindi senza soluzione di continuità.

Nelle scorse settimane è stata aggiudicata anche la gara per la fornitura dei kit di arredi interni e nuovi finestrini per ristrutturare 2334 carrozze media distanza. L’attività di ristrutturazione e ammodernamento è già stata avviata, e sarà condotta direttamente dalla società di trasporto del Gruppo Ferrovie dello Stato. Alle prime regioni sono già state consegnate alcune vetture.

Con la chiusura della gara per le 600 carrozze a doppio piano (350 + opzione per altre 250), tra forniture e servizi assegnati e attività di ristrutturazione avviate, ammontano ora a un miliardo e 450 milioni gli investimenti operativi rispetto ai due miliardi previsti nel piano di ammodernamento della flotta regionale. Un traguardo raggiunto a poco più di tre mesi dalla presentazione del piano da parte dall’amministratore delegato del Gruppo FS, Mauro Moretti, avvenuto lo scorso 7 settembre, alla presenza del ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Altero Matteoli, dei presidenti e degli assessori ai Trasporti di 19 amministrazioni provinciali e regionali italiane.

Il piano, sostenuto per oltre un miliardo e mezzo in autofinanziamento e per il restante con risorse stanziate dal Governo, rappresenta il più imponente investimento in materiale rotabile realizzato negli ultimi decenni da Ferrovie dello Stato.

(FSNews)