autocorse sostitutive

Il paradosso delle autocorse sostitutive sulla Venezia-Portogruaro

Giovedì sera, è quasi ora di cena. Sul piazzale della stazione di Meolo, con un cenno della mano fermo l’autocorsa sostitutiva che transita puntuale. L’autista quasi incredulo nel vedere rotta la sua solita routine apre le porte e mi fa salire. Guardo l’autobus desolatamente vuoto, mi siedo in una delle prime file e rifletto sull’insuccesso di questo servizio. leggi tutto »

Condividi contenuti